Art. 82 – Revoca dell’omologazione

Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza
Decreto Legislativo12/01/2019 n. 14Fonte: GU n.38 del 14-2-2019

1. Il giudice revoca l’omologazione d’ufficio o su istanza di un creditore, del pubblico ministero o di qualsiasi altro interessato, in contraddittorio con il debitore, quando è stato dolosamente o con colpa grave aumentato o diminuito il passivo, ovvero quando è stata sottratta o dissimulata una parte rilevante dell’attivo ovvero quando sono state dolosamente simulate attività inesistenti o quando risultano commessi altri atti diretti a frodare le ragioni dei creditori. La domanda di revoca non può essere proposta e l’iniziativa da parte del tribunale non può essere assunta decorsi sei mesi dall’approvazione del rendiconto.

2. L’OCC è tenuto a segnalare al giudice ogni fatto rilevante ai fini della revoca dell’omologazione.

3. Prima di procedere alla revoca, il giudice sente le parti, anche mediante scambio di memorie scritte e provvede alla revoca con sentenza reclamabile ai sensi dell’articolo 50, o rigetta la richiesta con decreto motivato.

4. La revoca dell’omologazione non pregiudica i diritti acquistati dai terzi in buona fede.

Relazione Illustrativa Art. 82
La norma è sovrapponibile all’art. 73 e disciplina i casi di revoca dell’omologazione a seguito della scoperta di atti fraudolenti commessi dal debitore. Alla revoca il giudice procede su istanza del pubblico ministero, di un creditore o di qualunque interessato, ma anche d’ufficio, sentito il debitore, in tutti i casi di frode e falsità. L’OCC, al fine di consentire al giudice di esercitare tale suo potere, è tenuto a segnalare al giudice le circostanze che possono comportare la revoca dell’omologazione. E’ evidente che tale obbligo di segnalazione dovrà essere esercitato in modo tempestivo, considerato che la norma prevede che l’istanza o l’iniziativa di ufficio devono intervenire entro sei mesi dall’approvazione del rendiconto. Il giudice decide dopo aver sentito gli interessati, anche solo mediante assegnazione di termini per lo scambio di memorie scritte. L’ultimo comma prevede che la revoca dell’omologazione non pregiudichi i diritti acquistati da terzi di buona fede. Relazione illustrativa al Codice della crisi e dell'insolvenza

Lascia un commento